Comunicato stampa – lancio della petizione

Il 12.02.2021 il Comitato a sostegno della petizione No terza corsia tra Lugano e Mendrisio! Salviamo Mendrisiotto e Basso Ceresio ha pubblicato un comunicato stampa sul lancio della petizione.

Il comunicato stampa può essere scaricato cliccando qui.

Di seguito riportiamo il testo integrale:

Lancio della petizione No alla terza corsia tra Lugano e Mendrisio!

Il comitato promotore presenta la petizione online No alla terza corsia tra Lugano e Mendrisio – Salviamo Mendrisiotto e Basso Ceresio in cui chiede al Consiglio federale di abbandonare il progetto dell’USTRA relativo al potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio. Tutti i cittadini sono invitati a firmare la petizione! Tra le richieste indirizzate al Consiglio Federale vi è anche quella di progettare in modo coordinato – da Chiasso a Lugano – una circonvallazione in galleria e/o una copertura dell’autostrada nei centri abitati, in modo da contribuire al miglioramento ambientale e paesaggistico della regione.

Il comitato promotore ha lanciato la petizione No alla terza corsia tra Lugano e Mendrisio! Salviamo Mendrisiotto e Basso Ceresio indirizzando tre richieste alla Consigliera federale Simonetta Sommaruga, direttrice del Dipartimento federale dell’ambiente e dei trasporti (DATEC):

i) respingere il progetto dell’USTRA per il potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio (terza corsia dinamica), in quanto non risolve il problema attuale del traffico e avrà un forte impatto sul territorio, sia durante la realizzazione (cantieri) sia a opera conclusa;

ii) iniziare a pianificare e realizzare in modo coordinato a livello regionale la circonvallazione in galleria e/o la copertura dell’A2 nei centri abitati del Mendrisiotto e Basso Ceresio;

iii) pianificare e realizzare in modo coordinato i grandi progetti sulle vie di transito nazionali a sud di Lugano (AlpTransit e futuri interventi sull’A2) per un utilizzo efficace delle risorse finanziarie e del territorio.


Il progetto di potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio dell’USTRA (PoLuMe) è costoso e inefficace: la costruzione della terza corsia dinamica (prevista per il 2040) porterebbe ad un aumento del traffico, e, soprattutto, non risolverebbe i problemi delle code alle entrate e uscite nei centri urbani durante le ore di punta. I cittadini della regione subiranno le conseguenze negative dell’aggravio del traffico in termini di inquinamento fonico e ambientale.
Inoltre, il progetto PoLuMe non migliorerà né la qualità di vita né quella paesaggistica in gran parte della regione compresa tra Lugano e Mendrisio. Infatti, secondo i piani dell’USTRA, solo brevi tratti autostradali tra Grancia e Melide e tra Bissone e Maroggia saranno riprogettati in galleria. Questo è
inaccettabile, soprattutto considerando che la popolazione residente dovrà convivere per circa 15 anni con dei cantieri che occuperanno aree molto estese, soprattutto nel territorio di Melano.
L’autostrada è la causa principale di degrado ambientale della regione e un miglioramento paesaggistico può essere ottenuto solo attraverso una pianificazione coordinata a livello regionale, con la messa in galleria o una copertura dell’A2 nei centri abitati del Mendrisiotto e Basso Ceresio.
In quest’ottica la petizione chiede anche un coordinamento tra i progetti autostradali e quelli ferroviari, in modo da ridurre costi e impatto ambientale.

 148 total views,  1 views today

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code